CANTO MODERNO

Docente Laura Sasso

Il Corso di Canto Moderno ha come obiettivo principale l’educazione a una
vocalità rispettosa della fisiologia dell’apparato vocale e il raggiungimento
di una sempre maggiore coscienza da parte dell’allievo delle multiformi
possibilità di una voce sana, per un utilizzo professionale ed economico
della stessa.
A tal fine saranno approfondite le basi fisiologiche del funzionamento della
voce, per favorire il graduale aumento della propriocezione, della
consapevolezza e delle competenze che renderanno l’atto artistico naturale
ed espressivo.
Le scelte didattiche saranno fatte in base alle esigenze specifiche dell’allievo
e nel rispetto dei suoi tempi di apprendimento, privilegiando un criterio
educativo e non addestrativo.
Parte del lavoro sarà corporeo poiché la relazione fra voce e corpo è
inscindibile.
L’educazione posturale, utile al raggiungimento della compostezza e della
concentrazione necessarie alla performance, favorirà la verticalità, ossia
l’allineamento di Vertice, il radicamento a terra, la presa dello spazio e lo
scarico del peso corporeo sugli arti, con appoggio equilibrato di tallone e
avampiede.
L’educazione respiratoria potenzierà l’intervento diaframmatico con
esercizi di respirazione toraco-diaframmatica per ampliare i volumi
respiratori e per favorire l’accordo pneumofonorisonanziale.
L’autopercezione corporea sarà affinata con l’obiettivo di prendere
coscienza del proprio corpo e delle sue potenzialità espressive attraverso
l’autoascolto.
Il rilassamento muscolare guidato favorirà il rilassamento generale e
distrettuale necessario ad una corretta emissione vocale.
Particolare attenzione sarà posta ai concetti di sostegno e appoggio
respiratorio, entrambi componenti del controllo espiratorio.
La lezione di canto sarà individuale e della durata di 60 minuti durante i
quali, allo studio della tecnica vocale, con vocalizzi ed esercizi secondo le
possibilità vocali dell’allievo, si affiancherà quello del repertorio, degli
elementi base di teoria e armonia musicale e la progressiva intonazione degli
intervalli, mentre lettura, teoria musicale ed Ear Training saranno
approfonditi nelle lezioni di LET organizzate dalla scuola di musica.
Lo studio della tecnica vocale si focalizzerà sul riscaldamento e il
raffreddamento della voce, sull’attacco del suono, la risonanza e l’emissione
nei vari registri vocali (petto, mix, testa…), sui meccanismi M0-M1-M2-
M3 e i passaggi.
Sarà posta particolare attenzione all’articolazione e alla dizione, ai colori
della voce e all’approccio stilistico in modo da rendere possibile da parte
dell’allievo la personalizzazione degli stessi.
Nello studio del repertorio si eseguiranno brani di difficoltà progressiva e
multistilistici (Pop, Jazz, Soul, Rhythm and Blues, Rock…), si approccerà
all’improvvisazione vocale e in un laboratorio di gruppo (Backing Vocals)
di 4/5 allievi si sperimenteranno armonizzazioni e sovrapposizioni di suoni.
Elementi di igiene vocale dell’artista saranno oggetto di approfondimento.
Al fine di gestire il volume sonoro e le sfumature timbriche si approccerà
alle modalità di utilizzo del microfono, strumento insostituibile nello studio
e nelle performance di musica leggera.
“ Sepolta in fondo a te stesso forse esiste la tua vera voce. (…) Quello che
nessuno sa che tu sei, o che sei stato, o che potresti essere si rivelerebbe in
quella voce. (…) Basterebbe che liberassi questa voce che hai sempre
nascosto a tutti, e lei subito ti riconoscerebbe per chi sei veramente”(Italo Calvino)



MUSICAINFASCE ®

Docente Laura Sasso

 

Il Corso di Musicainfasce® si basa sulla Music Learnig Theory di Edwin E. Gordon, musicista e ricercatore americano che ha dedicato cinquant’anni allo studio dell’apprendimento musicale, ideando un percorso didattico che si rivolge anche ai piccolissimi.

Gli incontri avvengono in un’atmosfera gioiosa e rilassata dove i bambini hanno l’opportunità di arricchire il proprio patrimonio espressivo, insieme agli adulti che li accompagnano, con attività e canti che potranno poi essere riproposti a casa.

Il primo incontro sarà dedicato all’ambientamento dei piccoli e alla reciproca conoscenza dei bambini con l’insegnante, riservando, per quelli successivi, le attività didattiche musicali specifiche degli incontri di Musicainfasce®. La “lezione” vera e propria si svilupperà gradualmente, con proposte educative sempre più dirette e rispettose dei tempi di apprendimento di ognuno, in una “relazione significativamente affettiva” che sarà alla base del rapporto fra i bambini e la loro”guida musicale”.

Gli incontri avranno cadenza settimanale e una durata di circa 40/45 minuti, tempo utile all’assorbimento delle proposte musicali dell’insegnante e limite stimato della capacità di attenzione dei bambini, in quasi totale assenza del linguaggio verbale.

Si concorderanno incontri con i genitori per esporre loro presupposti e finalita’ pedagogiche del progetto.


SVILUPPOMUSICALITA’®

Docente Laura Sasso

 

Il Corso di Sviluppomusicalità® si rivolge ai bambini che hanno dai tre ai cinque anni di età ed è concepito sulla base della Music Learning Theory di E.E.Gordon, musicista e ricercatore americano che teorizzò l’analogia tra i processi di apprendimento del linguaggio verbale e quelli del linguaggio musicale.

Cinquant’anni di studio e di osservazione dei bambini hanno portato allo sviluppo di una didattica musicale che prevede incontri di gruppo in cui un adulto, musicalmente competente, si propone come guida nel percorso di apprendimento della sintassi musicale, avendo come strumenti la voce ed il corpo in movimento. Attraverso brani cantati di tipo tonale e ritmico, in un dialogo dove il linguaggio verbale è quasi completamente assente, con attività di gioco pensate allo scopo, i bambini saranno guidati verso una comprensione sempre più approfondita delle funzioni musicali presenti nei canti proposti dall’insegnante.

IL primo incontro sarà dedicato all’ambientamento dei bambini e alla reciproca conoscenza di questi con l’insegnante, mentre la “lezione” vera e propria si svilupperà gradualmente,

Gli incontri avranno cadenza settimanale e una durata di 40/45 minuti, tempo utile all’assorbimento delle proposte musicali e limite stimato della capacità di attenzione del bambino in quasi totale assenza del linguaggio verbale.

Si concorderanno con i genitori incontri per esporre loro presupposti e finalità pedagogiche del progetto.